Quando compri un’auto, non ti viene detto che puoi riempirla solo in una certa stazione di servizio, ma quando acquisti una stampante le tue mani sono legate alle costose cartucce di inchiostro vendute dal produttore della stampante. Questo deve cambiare.

Stiamo scrivendo come European Toner and Inkjet Remanufacturers Association (ETIRA), un’organizzazione senza scopo di lucro, che rappresenta gli interessi dei rigeneratori di cartucce a getto d’inchiostro e toner.

In risposta alla gradita pubblicazione del piano per l’economia circolare dell’UE, chiediamo all’UE di agire rapidamente contro il modo in cui i produttori di stampanti, che nella maggior parte dei casi si trovano al di fuori dell’UE, tengono i consumatori in ostaggio di sostituzioni costose e dannose per l’ambiente.

La nostra industria, un esempio da manuale di economia circolare, dovrebbe registrare una forte crescita dato che miglioriamo l’ambiente europeo, forniamo risparmi ai consumatori e creiamo posti di lavoro. Ma la realtà è ben diversa, infatti si sta restringendo e ciò è dovuto principalmente alla mancanza di un quadro normativo europeo che faciliti il ​​riutilizzo delle cartucce. L’attuale approccio dell’UE, in base al quale i produttori di stampanti hanno solo impegni volontari per ridurre l’impatto ambientale della stampa, (EU “Voluntary Agreement Imaging Equipment”, VAIE), ha notevolmente ostacolato il riutilizzo delle cartucce.

L’attuale modello di business della stampa ha un impatto devastante sull’ambiente, e crea enormi sprechi a causa della breve durata dell’hardware di stampa combinato con cartucce monouso per lo più realizzate in plastica. Oltre alle cartucce monouso dei produttori di stampanti, c’è un’invasione di cartucce monouso non OEM a buon mercato provenienti dall’Asia verso l’Europa. Queste cartucce possono rappresentare un rischio per la salute e la sicurezza, infatti i test hanno dimostrato che le sostanze chimiche e le plastiche utilizzate spesso non sono conformi agli standard minimi dell’UE e non sono quindi adatte per il riutilizzo o il riciclaggio.

Secondo il recente studio commissionato dall’UE sui risultati dell’ultimo accordo volontario:

  • Le cartucce creano il 2,5% dei rifiuti totali di apparecchiature elettroniche di piccole e medie dimensioni
  • Sia il tasso di riparazione della stampante per piccoli uffici (SOHO) che quello domestico è pari a zero
  • Il tempo di funzionamento medio per l’utilizzo della stampante domestica è di sole cinque ore durante i quattro anni di vita previsti.
  • La durata media operativa totale della cartuccia è di soli 19 minuti
  • A livello globale, le soglie di recupero per i produttori sono lungi dall’essere raggiunte e alcuni OEM inceneriscono ancora il 100% (!) di ciò che recuperano

È scioccante vedere che oggi sono necessarie 26 cartucce per stampare 10.000 pagine considerano che 20 anni fa una era sufficiente.

Questi aumenti di plastica, metallo e altri rifiuti totalmente inutili, oltre all’invasione di cartucce di plastica monouso non OEM, devono essere fermati. I produttori di stampanti dovrebbero impegnarsi ad attuare obiettivi e traguardi di riutilizzo chiari e misurabili. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di porre fine alle tattiche di riutilizzo anti-cartuccia come chip e aggiornamenti del firmware che bloccano le cartucce di riutilizzo, abbiamo bisogno di una percentuale minima riservata alle cartucce di riutilizzo nel numero totale di cartucce immesse sul mercato dell’UE, e infine serve un punto fermo all’invasione di cartucce di plastica monouso non OEM a basso costo e inquinanti provenienti dall’esterno dell’UE.

ETIRA teme che sarà quasi impossibile per un accordo volontario raggiungere questi obiettivi.

Soprattutto nell’attuale situazione macroeconomica, è importante notare che per la stampa, l’industria della rigenerazione crea e creerà posti di lavoro all’interno dell’UE: il semplice raddoppio dell’attuale tasso di riutilizzo genererebbe fino a 16.000-20.000 posti di lavoro aggiuntivi in ​​tutta l’UE.

Adesso è il momento di cambiare. Abbiamo bisogno di una nuova legislazione per ridurre, promuovere la preparazione per il riutilizzo (ad esempio la rigenerazione) e il riciclaggio delle materie prime – e creare così un’economia circolare nella stampa, in linea con il piano d’azione per l’economia circolare. L’attuale modello di business della stampa OEM (Original Equipment Manufacturer) è coercitivo nei confronti degli utenti finali, spreca risorse limitate e genera sprechi inutili. Vogliamo vederlo cambiato.

I consumatori dovrebbero avere libertà di scelta, in linea con l’imminente concetto di “diritto alla riparazione e al riutilizzo” incluso nel piano d’azione per l’economia circolare dell’UE, invece di avere le mani legate a un unico fornitore. Sappiamo che la dimensione del contenuto di inchiostro e delle cartucce è diminuita nel tempo, mentre il prezzo della stampa è alle stelle e non dovrebbe essere consentito continuare.

Ascoltiamo le storie di persone che acquistano una stampante domestica, acquistano costose cartucce d’inchiostro e poi scoprono che, quando c’è un problema con la stampante, è più economico acquistarne una nuova fornita con nuove cartucce d’inchiostro, piuttosto che riparare la stampante.

Questo deve finire. La nostra società non può accettarlo. Nessun altro settore lo accetterebbe.

A nome di tutti i nostri membri, aziende e consumatori in tutta Europa, desideriamo concedere ai clienti la massima libertà di scelta facilitando una vera concorrenza tra rivenditori OEM e rigeneratori. Attualmente non c’è libertà di scelta e riparazione nel settore e nessun mercato dell’usato significativo.

 

(Fonte: etira.org)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *